IVASS - Proroga del termine per adempiere agli obblighi in materia di aggiornamento professionale degli intermediari

A causa delle complicanze organizzative dovute all'emergenza Covid, sono pervenute ad IVASS numerose richieste da parte degli intermediari per ottenere una proroga della scadenza per adempiere agli obblighi di aggiornamento professionale.

Riconosciuta l'importanza che l'aggiornamento ha per la tutela del consumatore, IVASS ha ritenuto opportuno accogliere tali richieste: l'aggiornamento potrà essere completato, in via eccezionale, entro il 31 marzo 2021.


Fondimpresa - Avviso 2/2020 contributo aggiuntivo per micro e piccole imprese

Fondimpresa ha pubblicato il nuovo Avviso 2/2020, tramite il quale vengono stanziati 10 milioni di euro a favore di micro e piccole imprese aderenti a Conto Formazione per sostenere la presentazione di piani formativi interaziendali.

Tale Avviso si propone a sostegno delle imprese in una fase delicata, in cui è necessario ripartire velocemente, individuando i fabbisogni delle imprese e sviluppando coerenti azioni formative. Ti sarà possibile formare gratuitamente anche un solo lavoratore della tua impresa.

La formazione potrà vertere su qualsiasi tematica, ad eccezione delle azioni formative organizzate per conformare le imprese partecipanti alla normativa nazionale obbligatoria in materia di formazione o ore di formazione che comportano lo svolgimento di attività produttive.

La presentazione delle domande sarà consentita dalle ore 9.00 del 20 ottobre 2020 fino alle ore 13.00 del 31 dicembre 2020. Per le aziende che ne faranno richiesta, è prevista l'esclusione delle operazioni di storno, previste nel mese di dicembre 2020.

Il nostro Ente si occuperà di:

  • Effettuare l’analisi dei fabbisogni;
  • Progettare il Piano formativo;
  • Avviare le pratiche per la condivisione del Piano con i Sindacati;
  • Erogare la formazione;
  • Monitorare il percorso formativo;
  • Avviare le pratiche per la rendicontazione del progetto;

Contattaci immediatamente.

Referente Sanfilippo Marika

Tel. 0118970064

Mail sanfilippo@gruppocs.com


Camera di Commercio - Bando Formazione Lavoro 2020

La Camera di Commercio di Torino ha disposto il Bando Formazione 2020, a sostegno di iniziative formative sulla "Formazione delle competenze per le imprese per gestire l'emergenza ed il rilancio produttivo", erogabili a partire dall' 1/1/2020 entro il 31/3/2021, volte a ottimizzare e velocizzare la ripresa a seguito dell'emergenza COVID.

CHI PUO' ADERIRE

Possono beneficiare del rimborso previsto dal Bando le micro, piccole e medie imprese che esercitano un’attività economica, aventi sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Torino.

TIPOLOGIA DELL’AGEVOLAZIONE

Le risorse complessivamente stanziate sono 160.000 euro.

Le agevolazioni vengono accordate sotto forma di voucher, con un massimo di 3.000 euro per impresa. L'entità massima dell'agevolazione non può superare il 70% dei costi ammissibili.

COME RICHIEDERE IL VOUCHER

Sarà possibile provvedere alla presentazione delle domande a partire dalle ore 9.00 del 12 ottobre fino alle ore 12.00 del 19 ottobre 2020, sul sito http://webtelemaco.infocamere.it

La valutazione delle domande avverrà in base all'ordine cronologico di presentazione, fino a esaurimento fondi.

COSA FINANZIA IL VOUCHER

Tra le spese ammissibili vi sono quelle relative a:

  • Sicurezza
  • Smart Working
  • Competenze Strategiche
  • Formazione e certificazione competenze digitali

Non sono ammissibili i "servizi per la formazione organizzata dalle imprese per conformarsi alla normativa nazionale obbligatoria in materia di formazione".

Qui il testo completo del Bando Formazione Lavoro.

Il nostro Ente si occuperà di:

  • Fornire supporto in fase di presentazione della domanda di finanziamento
  • Progettare e realizzare le attività formative
  • Fornire supporto in fase di predisposizione del rendiconto e della domanda di rimborso

Contattaci immediatamente.

Referente Alice Alessandro

Tel. 0118970064

Mail formazione@gruppocs.com


Scuola – Ripresa delle attività didattiche

Il ritorno ad una condizione il più possibile vicina alla normalità si riflette anche nella riapertura delle scuole, categoria che, in una prospettiva di possibile circolazione del virus, è stata oggetto di particolari attenzioni.

Cerchiamo di chiarire alcuni dubbi che circolano legittimamente nella testa dei genitori.

Innanzitutto le nuove norme sicurezza riducono il più possibile l’accesso a scuola dei genitori: quasi tutti gli incontri e i colloqui avverranno in maniera virtuale.

L’unica eccezione è ammessa per la categoria servizi per l’infanzia (bambini da 0 a 6 anni): è possibile accompagnare i propri figli all’interno dell’edifico, mantenendo ovviamente l’obbligo della mascherina.

L’accesso varia da scuola a scuola e da classe a classe, al fine di evitare assembramenti in ingresso e ridurre la calca nei mezzi di trasporto.

Il Ministero ha stabilito che la febbre non deve essere misurata dal personale scolastico, bensì deve essere misurata  preventivamente a casa.

E’ obbligatorio indossare la mascherina (dai 6 anni in su), durante ingresso, intervallo e spostamenti vari. Non è invece obbligatorio indossarla quando si è seduti al proprio banco, a meno che non sia assicurata la distanza di almeno un metro. Eventualmente gli studenti possono tenerla, ma è necessario cambiarla ogni 4 ore.

L’Istituto Superiore di Sanità ha stilato un vademecum di 25 pagine che indica come comportarsi in situazioni di emergenza.

Qualora una persona manifestasse sintomi compatibili con il Covid, è necessario farle indossare immediatamente la mascherina e condurla nel locale adibito per la gestione di casi di questo tipo, locale individuato prima dell’avvio delle lezioni.

Qui il referente Covid, figura introdotta all’interno degli ambienti scolastici, assisterà la persona. Questi non è un medico, bensì un membro del personale che ha competenze di tipo comunicativo e informativo.

Qualora si trattasse di uno studente, verranno contattati i genitori, che provvederanno ad avvertire pediatra o medico di base, affinché si possa procedere al triage telefonico ed eventualmente si opterà per fare il tampone.

Nel caso in cui fosse positivo, l’Asl provvederà ad effettuare un’indagine epidemiologica.

Qualora si trattasse di un insegnante o comunque di personale presente nella scuola, questi dovrà essere isolato nell’apposito locale, dove si occuperà di contattare il proprio medico e valutare se i sintomi possano o meno essere riconducibili al Covid e se sia opportuno effettuare il tampone. Nel caso si recherà al centro indicato dalla Als.

Nel momento in cui si accerterà che il tampone è positivo, spetterà al Referente Covid fornire l’elenco dei «contatti stretti» (tutte le persone che sono state insieme alla persona contagiata nelle ultime 48 ore). La Asl valuterà se imporre una quarantena di 14 giorni.

Se la persona positiva è un insegnante, dovranno essere messe in quarantena tutte le classi in cui ha insegnato negli ultimi due giorni.

Nel caso in cui ad essere positivo fosse un genitore, è necessaria la quarantena per l’alunno, ma non per compagni e insegnanti.

Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a consultare «Indicazioni operative per la gestione di csi e focolai di Sars-CoV2 nella scuola e nei servizi dell’infanzia».

Gruppo CS offre la sua esperienza per fornirti tutte le indicazioni e gli strumenti utili ad affrontare le nuove misure, in conformità con le nuove disposizioni.

Contattaci immediatamente per una consulenza.

Tel. 0118970064

Mail safety@gruppocs.com


Fondimpresa rilancia - Novità per Aziende aderenti ed Enti formativi

In questa fase di forte difficoltà, Fondimpresa si impegna ad agevolare le imprese aderenti e i soggetti attuatori impegnati nella realizzazione di piani formativi.

Le novità introdotte sono le seguenti:

1) Esclusione dalle operazioni di storno di dicembre 2020

Le aziende potranno richiedere l'esclusione delle operazioni di storno delle risorse del Conto Formazione che non sono state utilizzate negli ultimi due anni.

2) Nuovo avviso Contributo Aggiuntivo

Fondimpresa concede un contributo aggiuntivo alle risorse del Conto Formazione aziendale, promuovendo Piani formativi condivisi interaziendali, rivolti a lavoratori di piccole e medie imprese. Per la prima volta sarà inoltre possibile la delegazione di pagamento del fornitore all’ interno del mandato collettivo delle aziende beneficiarie del piano.

3) Possibilità di cambiare il regime di aiuti di stato già scelto optando per il regime “de minimis”

Con l'intento di sostenere le imprese che hanno usufruito della cassa integrazione per i propri dipendenti e per evitare di rinunciare a percorsi formativi già approvati, Fondimpresa offre la possibilità di modificare la scelta già effettuata per l’utilizzo del regime in esenzione e di optare per il regime “de minimis” durante la realizzazione del piano finanziato.

Ulteriori dettagli qui.


Fondo Forte - Proroga delle scadenze

Fondo Forte ha ritenuto opportuno, considerato il protrarsi delle disposizioni di contenimento e gestione dell'emergenza Covid-19, prorogare le scadenze degli Avvisi emanati nel quadro della programmazione 2020/2021. Di seguito lo schema adottato:

AVVISO 1/19 Logistica, spedizioni, trasporti : Prima scadenza 30-09-2020    Seconda scadenza 10-02-2021

AVVISO 3/19 Commercio, turismo, servizi : Prima scadenza 30-09-2020    Seconda scadenza 23-02-2021

AVVISO 2/19 Formazione a sostegno dell'innovazione tecnologica, di prodotto e/o di processo nelle imprese aderenti : Prima scadenza 29-01-2021    Seconda scadenza 12-05-2021

AVVISO 4/19 Formazione a sostegno del settore Socio-sanitario : Prima scadenza 15-10-2020

AVVISO 5/19 Altri settori economici : Prima scadenza 10-12-2020    Seconda scadenza 16-06-2021

AVVISO 6/19 Formazione a sostegno dei processi orientati allo sviluppo sostenibile : Prima scadenza 15-07-2021


Proroga delle misure di contenimento del Coronavirus

A partire dal 14 luglio è in vigore un nuovo DPCM di proroga delle misure di contenimento della pandemia da Coronavirus.

In poche parole restano in vigore fino al 31 luglio le disposizioni del DPCM dell’ 11 giugno e delle ordinanze del ministero della salute del 30 giugno e del 9 luglio.

Tra le principali misure si ricordano:

  • Obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi;
  • Rispetto dei protocolli sicurezza, coerentemente con quanto disposto in fase di riapertura dei luoghi di lavoro;
  • Divieto di assembramenti;
  • Sanzioni penali per coloro che violano l’obbligo di quarantena;
  • Divieto di ingresso o quarantena per chi arriva da Paesi extra UE e controlli più stringenti su aeroporti, porti e luoghi di confine.

Qui il testo completo del DPCM del 14 luglio

Gruppo CS offre la sua esperienza per fornirti tutte le indicazioni e gli strumenti utili ad affrontare le nuove misure, in conformità con le nuove disposizioni.

Contattaci immediatamente per una consulenza.

Tel. 0118970064

Mail safety@gruppocs.com


Agenzia delle Entrate - Contributo a fondo perduto a favore di imprese e partite IVA

Tra il 15 giugno e il 24 agosto sarà possibile richiedere un contributo a fondo perduto, agevolazione che il Decreto “Rilancio” ha destinato agli esercenti attività d'impresa, di lavoro autonomo o agrario, titolari di partita Iva, che sono stati colpiti dall'emergenza Coronavirus.

Sono due i requisiti fondamentali per poter richiedere il Bonus:

  1. I ricavi o compensi dell'anno 2019 non devono essere superiori a 5 milioni di euro.
  2. L’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell’analogo ammontare del mese di aprile 2019.

Il contributo prevede un importo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche: tale contributo sarà proporzionale alle perdite di fatturato registrate durante l'emergenza Coronavirus (il confronto viene fatto tra aprile 2019 e aprile 2020).

La domanda per il contributo a fondo perduto può essere presentata online, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, compilando il modello per via telematica. Per predisporre e trasmettere l’istanza si può usare un software e il canale telematico Entratel – Fisconline o una specifica procedura web, nell’area riservata del portale dell’Agenzia delle Entrate dedicata a Fatture e Corrispettivi.

Il testo completo  “Chiarimenti ai fini della fruizione del contributo a fondo perduto” è disponibile qui.

 


Formazione, servizi al lavoro e di orientamento: riprendono le attività in presenza

A partire da sabato 6 giugno, a seguito dell'approvazione del DPGR n. 66 del 5 giugno 2020, è stata disposta la ripartenza in presenza di alcune attività della formazione professionale, dei servizi al lavoro e di quelli all'orientamento.

Per quanto riguarda la formazione professionale, sarà consentito svolgere in presenza la parte pratica prevista nel percorso, sia per le attività in laboratorio, tramite l'utilizzo di macchinari, attrezzature o strumenti, sia per le attività da svolgere in spazi aperti.

E' inoltre possibile lo svolgimento in presenza di stage nell'ambito di attività economiche non sospese, nonchè l'esecuzione di esami finali che prevedono prove teorico-pratiche di verifica dell' apprendimento,  se non è possibile lo svolgimento a distanza poichè richiedono l'utilizzo di macchinari, attrezzature, strumenti, o per la specificità del profilo professionale, per la cui valutazione si richiedono prove di simulazioni lavorative-professionali.


Fondimpresa - Riprende la formazione in presenza

La Determina dell'8 giugno 2020 ha stabilito, in coerenza con le disposizioni emesse dalle autorità competenti, la ripresa della formazione in modalità aula frontale a partire dal lunedì 8 giugno.

Le attività formative in modalità aula frontale, coaching e action learning, dei piani presentati e/o finanziati entro il 31 agosto 2020, possono essere convertite in modalità videoconferenza. Questo al fine di tutelare gli allievi e di rispettare le norme in materia di gestione e contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Le attività in parte o completamente convertite in Teleformazione, potranno concludersi in questa modalità anche dopo il 31 dicembre 2020 e comunque nel'ambito della durata massima del piano prevista.